Articolo precedente
Prossimo articolo
Breaking News

Cassazione: sussidio per lavoratori socialmente utili? Si, ma a cadenza mensile...

Articolo  0 commenti




La Corte di Cassazione, nella sentenza n. 7115 del 2014 ha affermato che il sussidio relativo ai lavori socialmente utili deve essere corrisposto con cadenza mensile determinato alla stregua dell'indennità di disoccupazione e corrisposto dall'INPS.



Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza 29 gennaio – 26 marzo 2014, n. 7115
Presidente Coletti De Cesare – Relatore Napoletano

 

 

Svolgimento del processo

La Corte di Appello di Napoli, riformando la sentenza del Tribunale di quella stessa sede, accoglie, con la sentenza di cui si chiede la cassazione, le domande dei lavoratori in epigrafe, proposta nei confronti dell'INPS, dirette ad ottenere il pagamento degli interessi legali per il tardivo pagamento del sussidio concernente il lavoro socialmente utile prestato.
A fondamento del decisum la Corte del merito pone il rilievo secondo il quale, nella specie, deve trovare applicazione la disciplina dell'indennità di disoccupazione, e in particolare l'art. 32 del D.P.R. 26 aprile 1957 n. 818 secondo cui il pagamento dell'indennità deve avvenire il giorno 15 e l'ultimo giorno di ciascun mese. Avverso questa sentenza l'INPS ricorre in cassazione sulla base di un'unica censura, illustrata da memoria.
Resistono con controricorso le parti intimate.





Motivi della decisione

Con l'unica censura l'INPS, deduce violazione e falsa applicazione degli artt. 7, comma 12, della L. n. 223 del 1991,32 del D.P.R. n. 818 del 1957 con riferimento all'art. 14, comma 4, del D.L. 16 maggio 1994 n.299 convertito nella L. n. 451 del 1994, come sostituito dall'art. 1, comma 3, del D.L. n. 510 del 1996, convertito con modificazioni nella L. n. 608 del 1996 nonché all'art. 8, comma 3, del D.Lgs n.468 del 1997. Sostiene l'Istituto, formulando il quesito di diritto di cui all'art. 366 bis cpc, che il rinvio di cui al citato art. 7, comma 12, alla normativa della disoccupazione comporta l'applicazione di quest'ultima anche al trattamento di mobilità (la cui disciplina è estesa al sussidio per lavori socialmente utili, ai sensi del D.L. n. 299 del 1994, art. 14, comma 4, convertito nella L. n. 451 del 1994, come sostituito dal D.L. n. 510 del 1996, art. 1, comma 3, convertito con modificazioni nella L. n. 608 del 1996),tuttavia l'inserimento di tale disposizione è funzionale solo alla qualificazione dell'indennità come prestazione giornaliera, ossia rapportata ai giorni di disoccupazione e non al mese di calendario, ma non anche per il termine (quindicinale) di pagamento, che invece resta ancorato alla scadenza mensile.
La censura alla stregua della giurisprudenza di questa Corte, che in questa sede va ribadita, è fondata.
Infatti la Cassazione occupandosi di una fattispecie perfettamente sovrapponibile alla presente ha sancito che in materia di lavori socialmente utili, il relativo sussidio - al quale sono estese le disposizioni in materia di indennità di mobilità a seguito della modifica normativa introdotta con l'art. 14, comma quarto, del D.L. n. 299 del 1994, convertito, con modificazioni, nella Legge n. 451 del 1994, - pur essendo determinato, alla stregua della disciplina dell'indennità di disoccupazione, su base giornaliera, deve essere corrisposto con cadenza mensile, attese le peculiarità della normativa in materia di indennità di mobilità riferita ad una ripartizione in mesi con riguardo alla durata massima del trattamento (dodici mesi, prorogabili in relazione a fasce di età o aree territoriali e suddivisibile in due periodi, pure indicati in mesi), alla commisurazione della misura della prestazione (sulla base dell'integrazione salariale spettante, determinata per ogni mese ai sensi della legge n. 427 del 1980), alla possibilità di sospensione e cumulo con i redditi da lavoro nel caso di svolgimento di una attività lavorativa (prevedendosi, ai sensi dell'art. 9, comma 5, della legge 223 del 1991, in caso di nuova occupazione con retribuzione inferiore a quella di provenienza, la corresponsione di un assegno mensile per la differenza), nonché alla detraibilità delle mensilità già godute nel caso di erogazione in conto capitale per i lavoratori che intraprendono un'attività autonoma o in cooperativa, risolvendosi, pertanto, in una regolamentazione specifica che rende inapplicabile, in quanto incompatibile, il sistema di pagamento previsto per il trattamento di disoccupazione involontaria, fissato, dall'art. 32 del d.P.R. n. 818 del 1957, in due scadenze, il giorno quindici e l'ultimo giorno del mese (Cfr. ex plurimus Cass. 19 maggio 2008 n. 12627, Cass. 26 luglio 2011 n.16357 e Cass. 9 novembre 2011 n. 23329).
Né sono prospettate, nella presente controversia, argomentazioni tali da indurre questo Collegio a rivedere il principio sopra enunciato.
Non è, pertanto, corretta in diritto la sentenza impugnata nella quale la Corte del merito ha, invece, ritenuto applicabile la disciplina dell'indennità ordinaria di disoccupazione anche ai fini delle scadenze di pagamento e, conseguentemente, ai fini della determinazione degli interessi legali decorrenti da tali scadenze.
La sentenza impugnata va, quindi, cassata in accoglimento del ricorso.
Non essendo necessari ulteriori accertamenti di fatto, la causa può essere decisa nel merito, con il rigetto delle domanda originariamente proposte dagli odierni intimati.
Nulla deve disporsi sulle spese dell'intero processo, in applicazione dell'art. 152 disp. att. cpc (nel testo anteriore alle modifiche introdotte dal D.L. n. 269 del 2003, convertito nella L. n. 326 del 2003, non applicabili nella specie ratione temporis).

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e, decidendo nel merito, rigetta le originarie domande. Nulla per le spese dell'intero processo.

Leggi e Sentenze

Cassazione: volume tecnico, condominiale o privato ?  0  659

La Corte di Cassazione, nella sentenza n. 12572 del 2014, ha affermato che in tema di parti comuni, il diritto indica che la propria esistenza nell'edificio siano necessaria allo stesso e che quindi siano destinate in modo permanente all'uso e godimento comune.