Articolo precedente
Prossimo articolo
Breaking News

Internet gratis all'estero con il Crowdroaming

Articolo  0 commenti




Accedere a internet in vacanza, gratuitamente, dal proprio smartphone anche se si e' all'estero



Accedere a internet in vacanza, gratuitamente, dal proprio smartphone anche se si e' all'estero: a questo punta CrowdRoaming, applicazione per telefonini basati sul sistema operativo di Google, Android, che consente di condividere una porzione della connettivita' dati inutilizzata del proprio dispositivo con i turisti che visitano la propria citta'. Viceversa quando si viaggia al di fuori dei confini nazionali ci si potra' collegare a internet utilizzando le connessioni messe a disposizione dalla gente del posto.

L'applicazione, spiega in una nota la casa olandese madre dell'app, e' disponibile da oggi sul Google Play ed e' pensata per coloro che anche in viaggio all'estero vogliono collegarsi alla rete per condividere le foto delle proprie vacanze, chattare su WhatsApp, aggiornarsi su quello che succede nel mondo, trovare informazioni e itinerari per il proprio viaggio. Il tutto, se non si trovano connessioni WiFi libere, sfruttando la rete cellulare ma senza pagare i costi di roaming che derivano dall'accesso a un network internazionale con la propria sim, la scheda telefonica dello smartphone.

CrowdRoaming (www.crowdroaming.com) funziona cosi': installando l'applicazione gli utenti da un lato condividono una parte di dati mobili per permettere ad altre persone di connettersi gratuitamente. In cambio gli utenti potranno ottenere gli stessi vantaggi durante i propri viaggi all'estero. Quanto piu' l'utilizzo dell'app sara' diffuso tanto piu' sara' facile trovare una rete alla quale 'agganciarsi' durante i propri spostamenti. E' la stessa filosofia dei servizi per la condivisione dell'auto (car sharing) o della casa.





Leggi e Sentenze

Ristrutturazioni edilizie: agevolazioni fiscali - Guida dell'Agenzia delle Entrate  0  822

L’agevolazione, introdotta fin dal 1998 e prorogata più volte, è stata resa permanente dal decreto legge n. 201/2011 (art. 4) che ha previsto il suo inserimento tra gli oneri detraibili ai fini Irpef.