Articolo precedente
Prossimo articolo
Breaking News

Consigli: nel sonno conta più la qualità o la quantità ?

Articolo  0 commenti




Il fabbisogno giornaliero di ore di sonno varia da individuo a individuo anche in base a parametri come età e componenti caratteriali.



Dormire, conta più la qualità o la quantità? Vi è mai capitato di dormire per poche ore ma sentirvi comunque freschi e riposati?

L’idea comune è che la durata ottimale del sonno sia di otto ore, in realtà il fabbisogno giornaliero di ore di sonno varia da individuo a individuo anche in base a parametri come età e componenti caratteriali.

Certamente un buon sonno ristoratore è funzionale al benessere di tutto l’organismo, alla sua rigenerazione fisica e mentale..Basti pensare ai solo segni evidenti del debito di sonno..occhiaie, pelle spenta e altri ancora.

Non necessariamente, però, dormire meno di otto ore ha conseguenze disastrose sul fisico.

Ad esempio con l’aumentare dell’età il bisogno di ore di sonno diminuisce. Pensiamo a quanto dormono i bambini appena nati e quanto poco invece gli anziani. Allo stesso tempo più si è giovani, più si resiste al “calare delle palpebre”, mentre invecchiando e divenendo meno attivi è più facile addormentarsi e concedersi riposini anche
pomeridiani.

 





Il temperamento è un’altra variabile che influisce sulla necessità di dormire più o meno a lungo: persone energiche e attive dedicano minor tempo al sonno rispetto a tipi riflessivi e introspettivi, tendenti all’ansia.

È ovvio dunque che pur esistendo per ognuno una quantita minima di ore di sonno necessarie per star bene, non può essere assolutamente tralasciata la discriminante della qualità del sonno. Su questa intervengono numerosi fattori che possiamo controllare: dalle abitudini orarie all’ambiente in cui si dorme, passando per l’alimentazione.

Tutto può influire sullo svolgersi regolare del ciclo del sonno, caratterizzato dall’alternanza di fasi rem e non rem.

L’equilibrio tra quantità e qualità dunque garantisce al nostro fisico il riposo rigenerante che merita. Quando l’impegno non basta, può rivelarsi utile il supporto di un integratore, come Nilaxia, in grado di favorire in modo naturale il riposo notturno per tutta la sua durata.

(Fonte: Barbara Ferrini)