Articolo precedente
Prossimo articolo
Breaking News

Cassazione: la moglie al marito via SMS... "Non ti faccio vedere i bambini"... è provocazione !

Articolo  0 commenti




La Corte di Cassazione, nella sentenza n. 28292 del 2013, ha affermato che messaggi sms della maoglie al marito con scritte del tipo "Non ti faccio vedere i bambini" che hanno portato l'uomo ad evadere minaccie e ingiurie nei confronti della donna, tali sono da considerarsi come reazione alla provocazione effettuata dalla stessa donna.



Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza 6 – 28 giugno 2013, n. 28292 - Presidente Marasca – Relatore Pistorelli

 

 

Ritenuto in fatto

1. Con sentenza del 19 luglio 2011 il Tribunale di Genova confermava la condanna alla pena di giustizia di M.S. per i reati di diffamazione e minacce, nonchè del marito M.A. per i reati di minacce e ingiurie, tutti commessi in danno reciproco o in danno dei rispettivi familiari nell’ambito di ripetute liti insorte fra i due nel corso della loro separazione.
2. Avverso la sentenza ricorrono entrambe gli imputati, la M.A. anche in qualità di parte civile costituita nei confronti di M.A.
2.1 Con il ricorso proposto a mezzo del proprio difensore M.A. deduce ripetute carenze motivazionali del provvedimento impugnato in merito alla ritenuta responsabilità dell’imputato per i reati contestatigli ed alla congruità del trattamento sanzionatorio applicatogli dal giudice di prime cure. In generale il ricorrente lamenta che il giudice avrebbe condensato in poche righe di motivazione le ragioni della sua decisione, giustificandola con un generico, quanto fantomatico, riferimento a non meglio individuate testimonianze. Quanto ai fatti denunciati con la querela del 22 aprile 2008 il ricorrente evidenzia poi come logica imponesse di ritenere sussistente la reciprocità delle offese e comunque la provocazione subita dal M. a seguito dell’ingiustificata minaccia della moglie di non fargli vedere i figli sulla base di una inesistente pronunzia dei giudice civile. Con riguardo invece ai fatti narrati nella querela dell’8 maggio 2008 sottolinea come l’unica prova degli stessi era costituita dalle dichiarazioni di M.A. - peraltro smentite dall’imputato - la cui attendibilità non sarebbe stata vagliata con il necessario rigore in ragione dell’interesse di cui la, stessa era portatrice ed in assenza di riscontri in grado di confermarle.
2.2 Con il ricorso proposto personalmente, M.A. denuncia invece la radicale assenza di qualsiasi motivazione in merito alla conferma della sua condanna, evidenziando come alcuna delle doglianze sollevate con i motivi d’appello sia stata presa In considerazione dal Tribunale, anche solo al fine della loro confutazione.

 





Considerato in diritto

1. Il ricorso di M.A. è fondato, atteso che il Tribunale, a fronte delle specifiche doglianze avanzate con i motivi d’appello sul punto ed alla generica motivazione adottata dal giudice di prime cure, ha affermato in maniera apodittica l’attendibilità della persona offesa sulle cui dichiarazioni ha fondato l’affermazione di responsabilità dell’imputato.
Non meno fondata è poi la lamentela relativa alla ritenuta insussistenza dell’esimente della provocazione, atteso che ai fini dei riconoscimento della medesima non è necessario che la reazione venga attuata nello stesso momento in cui sia ricevuta l’offesa, essendo sufficiente che essa abbia luogo finchè duri lo stato d’ira suscitato dal fatto provocatorio, a nulla rilevando che sia trascorso del tempo, ove il ritardo nella reazione sia dipeso unicamente dalla natura e dalle esigenze proprie degli strumenti adoperati per ritorcere l’offesa (Sez. F, n. 32323 del 31/07/2007 - dep. 08/08/2007, P.M. in proc. Marusi Guareschi, Rv. 236832). In tal senso il Tribunale non ha dunque tenuto conto di come il presunto fatto ingiusto - sulla cui effettività deve comunque esprimersi il giudice di merito - cui il M. avrebbe reagito sarebbe stato nel caso di specie integrato dall’invio di un “sms” contenente la minaccia di impedirgli di vedere la prole.
2. Anche il ricorso presentato da M.A. nella sua qualità di imputata deve ritenersi fondato. Infatti la motivazione della sentenza in relazione alla posizione della predetta risulta a tutto concedere meramente apparente, risolvendosi nell’apodittica considerazione che le condotte attribuitele sarebbero comprovate dalle sue stesse dichiarazioni. Affermazione che risulta non poco enigmatica - giacché non si comprende a quali dichiarazioni il Tribunale abbia fatto riferimento -, ma che soprattutto non si confronta, nemmeno implicitamente, con i motivi d’appello presentati nell’interesse della M., con i quali erano state sottoposte al giudice dell’appello svariate doglienze sulla tenuta argomentativa della sentenza di primo grado.
A seguito dell’accoglimento del ricorso di M.A. devono invece ritenersi assorbiti i motivi dei ricorso presentato da M.A. nella sua qualità di parte civile. La sentenza deve conseguentemente essere annullata con rinvio al Tribunale di Genova per nuovo esame.

P.Q.M.

Annulla la sentenza impugnata con rinvio per nuovo esame al Tribunale di Genova.
In caso di diffusione del presente provvedimento omettere le generalità e gli altri dati identificativi a norma dell’art. 52 del d. Igs. n. 196 del 2003 in quanto imposto dalla legge

Leggi e Sentenze

Cassazione: il medico risponde sempre, anche per colpa lieve?  0  817

La Corte di Cassazione, nella sentenza n. 45527 del 2015, ha ribadito che la Legge "Balduzzi" stabilisce, all'art. 3 "L'esercente la professione sanitaria che nello svolgimento della propria attivit si attiene a linee guida e buone pratiche accreditate dalla comunit scientifica non risponde penalmente per colpa lieve".

Login/registrati


Ricerca

Iscrizione alla newsletter