Articolo precedente
Prossimo articolo
Breaking News

Cassazione: prostituta su strada pubblica fermata da automobilista per una trattativa sul costo delle prestazioni sessuali... passano i vigili e multano l'automobilista con 500 euro...

Articolo  0 commenti




La Corte di Cassazione, nella sentenza n. 18073 del 2013, ha affrontato il caso di un automobilista che si era fermato a "contrattare" sul costo delle prestazioni dell'esercente meretricio su strada pubblica. La Cassazione ha informato che l'ordinanza comunale è viziata di potere ed inoltre viene citata la sentenza di Cassazione n. 115 del 2011 dove si stabilisce che 



"...è incostituzionale l'art. 54, 4° comma, d.leg. 18 agosto 2000 n. 267, come sostituito dall'art. 6 d.l. 23 maggio 2008 n. 92, convertito, con modificazioni, dall'art. 1, 1° comma, l. 24 luglio 2008 n. 125, nella parte in cui consente che il sindaco, quale ufficiale del governo, adotti provvedimenti a contenuto normativo ed efficacia a tempo indeterminato al fine di prevenire e di eliminare gravi pericoli che minaccino la sicurezza urbana, anche fuori dai casi di contingibilità e urgenza...".

In merito al caso in esame, la Corte di Cassazione chiarisce, inoltre, che il sindaco ha si potere di emanare ordinanze ma ciò viola l'art. 23 della costituzione (non previsione di delimitazione della discrezionalità ammministrativa), l'art. 97 della costituzione (la pubblica amministrazione può solo attuare quanto già previsto per legge), l'art. 3 comma 1 della costituzione (in assenza di in assenza di una valida base legislativa, gli stessi comportamenti potrebbero essere ritenuti variamente leciti o illeciti, a seconda delle numerose frazioni del territorio nazionale rappresentate dagli ambiti di competenza dei sindaci). 

 

La Cassazione ha quindi rimandato al Giudice di merito il compito di verificare la legittimità della disposizione a valle di ciò.

 

Corte di Cassazione, sez. VI Civile - 2, ordinanza 24 aprile - 25 luglio 2013, n. 18073 - Presidente Goldoni – Relatore D’Ascola

 

 

Svolgimento del processo

1) Il giudice di pace di Pescara ha respinto nel 2010 l'opposizione proposta dal ricorrente avverso l'ordinanza ingiunzione n. 479 del comune di Montesilvano per la violazione di ordinanza sindacale che proibiva di fermarsi con autoveicolo in prossimità di esercente il meretricio sulla via pubblica.
Ha ridotto la sanzione da 500 a 250 euro e compensato le spese. Il tribunale di Pescara con sentenza 7 aprile 2011 ha rigettato l'appello dell'opponente e lo ha condannato al pagamento delle spese di entrambi i gradi di giudizio.
L'opponente ha proposto ricorso per cassazione, notificato il 26 aprile 2011.
Il comune di Montesilvano è rimasto intimato.
Il giudice relatore ha avviato la causa a decisione con il rito previsto per il procedimento in camera di consiglio, proponendo l'accoglimento del ricorso.
2) Il primo motivo di ricorso denuncia vizi di motivazione e violazione dell'art. 54 d.lgs. n.267/00 e DM Interno 5-8-2008 e artt. 7 e 157 CdS.
Sostiene che l'ordinanza comunale è viziata da eccesso di potere e invoca tra l'altro la sentenza della Corte Cost. n. 115/11, con la quale è stato stabilito che: "è incostituzionale l'art. 54, 4° comma, d.leg. 18 agosto 2000 n. 267, come sostituito dall'art. 6 d.l. 23 maggio 2008 n. 92, convertito, con modificazioni, dall'art. 1, 1° comma, l. 24 luglio 2008 n. 125, nella parte in cui consente che il sindaco, quale ufficiale del governo, adotti provvedimenti a contenuto normativo ed efficacia a tempo indeterminato al fine di prevenire e di eliminare gravi pericoli che minaccino la sicurezza urbana, anche fuori dai casi di contingibilità e urgenza".





3) Il ricorso è fondato.
La Corte Costituzionale ha ritenuto che la disposizione citata - attribuendo ai sindaci il potere di emanare ordinanze di ordinaria amministrazione, le quali, pur non potendo derogare a norme legislative o regolamentari vigenti, si presentano come esercizio di una discrezionalità praticamente senza alcun limite, se non quello finalistico - viola, da un lato, la riserva di legge relativa di cui all'art. 23 cost., in quanto non prevede una qualunque delimitazione della discrezionalità amministrativa in un ambito, quello dell'imposizione di comportamenti, che rientra nella generale sfera di libertà dei consociati; dall'altro, viola l'ulteriore riserva di legge relativa di cui all'art. 97 cost., poiché la p.a. può soltanto dare attuazione, anche con determinazioni normative ulteriori, a quanto in via generale è previsto dalla legge; e viola, infine, anche l'art. 3, comma 1, cost., in quanto, in assenza di una valida base legislativa, gli stessi comportamenti potrebbero essere ritenuti variamente leciti o illeciti, a seconda delle numerose frazioni del territorio nazionale rappresentate dagli ambiti di competenza dei sindaci. Ne consegue che spetta al giudice di merito il compito di valutare nuovamente la legittimità della disposizione (ordinanza sindacale) posta a base della sanzione comunale, alla luce di principi sanciti dalla Corte Costituzionale in ordine ai poteri del Sindaco in materia di sicurezza urbana.
Dovrà quindi verificare se l'ordinanza trovasse copertura normativa soltanto nella norma di legge dichiarata incostituzionale o fosse compatibile con il limitato potere in materia, abnormemente ampliato dal legislatore del 2008. 4) Fondato è anche ill secondo motivo, che denuncia la violazione degli artt. 91 e 112 cpc in relazione alla statuizione sulle spese del giudizio di primo grado, adottata in difetto di specifico motivo di appello incidentale da parte del Comune, vittorioso in primo grado, che non si era però lamentato della compensazione disposta dal giudice di pace.
Sul punto il tribunale ha violato il principio posto da Cass. Su 15559/03 e Cass. 6540/00, secondo cui il giudice di appello, nel caso di rigetto del gravame, non puo', in mancanza di uno
specifico motivo d'impugnazione, modificare la statuizione sulle spese processuali di primo grado.
5) Resta assorbito il terzo motivo.
La sentenza impugnata va cassata e la cognizione rimessa ad altro giudice del tribunale di Pescara per il riesame dell'appello alla luce della modifica normativa causata dalla sentenza 115/11 . Provvederà anche alla liquidazione delle spese di questo giudizio.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia ad altro giudice del tribunale di Pescara, che provvederà anche sulla liquidazione delle spese del giudizio di legittimità.

Leggi e Sentenze

Cassazione: condomina cita ristoratore per musica troppo alta... il giudice non è d'accordo...  0  1061

La Corte di Cassazione, nella sentenza n. 45616 del 2013 ha affermato che non vi è alcun addebito penale per il ristoratore che ha la musica troppo alta. Nel caso in esame una donna, facente parte di un condominio, lamentava l'audio troppo alto nonostante gli altri condomini vivevano tranquillamente.