Articolo precedente
Prossimo articolo
Breaking News

Cassazione: parcheggio gratis sulle strisce blu... ma servono le prove !!!

Articolo  0 commenti




La Corte di Cassazione, nella sentenza n, 14980 del 2013, ha respirno l'opposizione di un automobilista il quale aveva consegnato fotografie per provare l'assenza di "strisce bianche" di parcheggio e quindi chiedere di non dover pagare lo sosta per il parcheggio sulle "strisce blu".



Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 2, sentenza 24 maggio – 14 giugno 2013, n. 14980 - Presidente Goldoni – Relatore Giusti

 

 

In fatto e diritto

Udita la relazione della causa svolta nella pubblica udien­za del 24 maggio 2013 dal Consigliere relatore Dott. Alberto Giusti;
udito il pubblico Ministero, in persona del Sostituto Pro­curatore Generale dott. Lucio Capasso, il quale ha concluso per l'accoglimento del ricorso.
Ritenuto che il Giudice di pace di Roma, con sentenza in data 13 febbraio 2008, ha dichiarato cessata la materia del contendere in relazione al giudizio di opposizione promosso da M.V. avverso il verbale con cui gli era stata conte­stata la violazione dell'art. 157, comma 6, del codice della strada, per avere sostato con la propria autovettura in zona a pagamento (in via Magenta a Roma) senza esporre il tagliando attestante l'avvenuto versamento della somma dovuta;
che il Tribunale di Roma, decidendo sull'appello del V., con sentenza resa pubblica mediante deposito in cancel­leria in data 26 aprile 2011, ha riformato la pronuncia del primo giudice ed ha rigettato la proposta opposizione, compen­sando tra le parti lespese di lite;
che il Tribunale ha da un lato riconosciuto che non poteva essere dichiarata la cessazione della materia del contendere, perché tra le parti non solo non vi era accordo sulle spese, ma permaneva contrasto in ordine alla validità del verbale;
che, dall'altro lato, il giudice del gravame, esclusa la lamentata illegittimità per mancata conformità della copia all’originale, ha rilevato, per quanto qui ancora rileva, che "da nessun concreto elemento… risulta la violazione dell'art. 7, commi 6 e 8, del codice della strada, atteso che sul punto l'appellante si limita ad elencare corretti principi di carattere generale, senza però dimostrare se gli stessi, nel caso concreto, risultino effettivamente violati";
che per la cassazione della sentenza del Tribunale il V. ha proposto ricorso, con atto notificato il 26 aprile 2012, sulla base di due motivi;
che l'intimato non ha svolto attività difensiva in questa sede.
 





Considerato che il Collegio ha deliberato l'adozione di un motivazione semplificata nella redazione della sentenza;
che con il primo motivo (violazione e falsa applicazione dell'art. 7, commi 6 e 8, del d.lgs. 30 aprile 1992, n. 285, nonché degli artt. 4 e 5 della legge 20 marzo 1865, n. 2248, all. E, e dell'art. 23, comma 12, della legge n. 689 del 1981, in relazione all'art. 360, n. 3, cod. proc. civ.) si lamenta, per un verso, che il Tribunale non abbia tenuto conto che il ricorrente, fin dal primo grado del giudizio, aveva prodotto documentazione fotografica attestante che l'area destinata a parcheggio a pagamento era ubicata all'interno della carreg­giata, determinando un notevole restringimento della stessa; e si sostiene, per altro verso, che, con riguardo alla illegit­timità derivante dalla mancata predisposizione dei prescritti spazi di sosta libera, l'onere della prova di avere adempiuto alla normativa era a carico dell'amministrazione;
che,, con il secondo mezzo, il ricorrente articola la mede­sima censura sotto il profilo del vizio di motivazione;
che entrambi i motivi - i quali, in ragione della loro con­nessione, possono essere esaminati congiuntamente - sono in­fondati
che - con riguardo alla deduzione secondo cui le aree de­stinate a parcheggio avrebbero determinato un notevole re­stringimento della carreggiata - il motivo di ricorso, richia­mando a sostequno la documentazione fotografica prodotta nei gradi di merito, pretende di investire questa Corte di legit­timità di una nuova e diretta valutazione di risultanze di fatto, quando il giudice del merito è giunto alla conclusione, logica e argomentata, che la violazione lamentata non emerge, in realtà, da nessuna risultanza processuale, con ciò esclu­dendo che quella documentazione fotografica sia idonea a dimo­strare il denunciato restringimento e la conseguente difficol­tà di circolazione;
che in relazione, poi, alla censura di mancata osservanza del requisito di legittimità costituito dalla messa a disposi­zione, :r nelle immediate vicinanze, di un'area di parcheggio li­bero, il ricorso non va al di là del richiamo a corretti prin­cipi di carattere generale, tra cui il potere del giudice or­dinario di sindacare incidentalmente, ai fini della disapplicazione, gli atti amministrativi posti a fondamento della pre­tesa sanzionatoria (secondo quanto già affermato, condivisi­bilmente, da Cass., Sez. Un., 9 gennaio 2007, n. 116); ma, non riportando specificamente, nell'atto di impugnazione, il con­tenuto dell'ordinanza del Comune di Roma istitutiva del par­cheggio a pagamento in via Magenta, non consente al giudice di. legittimità di valutare, dal testo stesso di quell'atto, la configurabilità stessa del vizio lamentato, esclusa dal giudi­ce a rogo;
che, pertanto, corretta è la conclusione cui è pervenuto il Tribunale, il quale ha rilevato che l'opponente non ha dimo­strato la sussistenza in concreto degli asseriti vizi di le­gittimità del provvedimento di delimitazione dell'area dì parcheggio a pagamento;
che questa conclusione è conforme al principio - che qui deva essere ribadito - secondo cui, in tema di violazioni del codice della strada, è onere del trasgressore che proponga,
avverso l'atto di accertamento della contravvenzione di sosta in zona di parcheggio a pagamento senza esposizione del rela­tivo tagliando, opposizione fondata sulla asserita illegitti­mità dell'ordinanza comunale istitutiva del parcheggio a paga­mento, dedurre e dimostrare le ragioni di tale illegittimità - e, quindi, della sussistenza delle condizioni per l'esercizio del potere di disapplicazione del giudice ordinario - e non già onore dell'amministrazione provare la legittimità del relativo proveddimento, che adottato ai sensi dell’art. 7 codice della strada, si presume conforme a legge (cfr. Cass., Sez. 1, 27 gennaio 2004, n. 1406; Cass., Sez. I, 14 dicembre 2004, n. 23306; Cass., Seas. 1, 17 marzo 2006, n. 6005);
che, quindi, il ricorso dure essere rigettato;
che non vi è luogo a pronuncia sulle spese, non avendo l’intimata Amministrazione svolto attività difensiva in questa sede.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso. 

Leggi e Sentenze

Cassazione: manutenzione delle apparecchiature inesistente o quasi? Bhe... se poi queste causano la morte... allora la responsabilità di chi sarà?  0  840

La Corte di Cassazione, nella sentenza n. 27775 del 2013, ha affrontato il caso di una donna malata di osteoporosi che utilizzava (ricoverata in ospedale) un macchinario solleva persone che a causa di una cattiva manutenzione dello stesso ha ceduto causando la caduta della donna e la conseguente morte della stessa. Si tratta di omicidio colposo in capo al manutentore dell'apparecchiatura.