Articolo precedente
Prossimo articolo
Breaking News

Tribunale di Taranto: nessun risarcimento per il pedone che scivola su una strada abituale !!!

Articolo  0 commenti




Il Tribunale di Taranto, nella sentenza n. 709 del 2013, ha affermato che non vi è alcun risarcimento nel caso di caduta su strada statale e/o privata se colui che l'attraversa è un abituè e quindi ne conosce eventuali pericoli.



Tribunale di Taranto, sez. III Civile, sentenza 5 aprile 2013, n. 709 - Presidente Genoviva

 

 

Motivi della decisione

Con atto di citazione notificato in data 8-11.7.2011 la sig.ra S. esponeva che:
- il giorno 7-7-2010 , mentre percorreva il piazzale Dante in Taranto per rientrare nel proprio domicilio di via Plinio 87, all'altezza del civico 77 perdeva l'equilibrio e scivolava per terra;
- su indicazione di alcuni passanti che la soccorrevano, notava che era caduta scivolando sull'acqua scaricata dai tubicini di alcuni impianti di condizionamento, riferibili agli uffici della CDC snc e del Comune di Taranto;
- in conseguenza della caduta aveva riportato danni fisici diagnosticati presso il pronto soccorso del locale Presidio Ospedaliero; in seguito aveva subito trattamenti ortopedici e riabilitativi, con conseguente danno biologico da invalidità permanente e temporanea, nonché danno morale.
Concludeva chiedendo l'affermazione della responsabilità della snc CDC e del Comune di Taranto ex artt. 2043-2051 c.c., con conseguente condanna degli stessi al risarcimento dei danni, quantificati come da conclusioni sopra riportate .
Costituitisi in giudizio, sia la snc CDC che il Comune contrastavano la domanda, assumendo che V incidente si era verificato per colpa esclusiva dell'attrice, senza che fosse ipotizzabile alcuna responsabilità da parte dei convenuti.
La causa, prima di passare in decisione, veniva istruita mediante produzione documentale, avendo il Gì ritenuta superflua ed inammissibile la prova testimoniale e la CTU medico-legale, richieste da parte attrice.
La domanda è palesemente infondata e va pertanto rigettata.
punto di diritto, la Cassazione ha più volte ribadito che sia l’art. 2051 che l’art. 2043 c.c. sono applicabili agli enti pubblici proprietari di strade aperte al pubblico

transito o comunque di beni demaniali, ma che gli stessi enti vanno esenti da responsabilità, ricorrendo l'esimente del caso fortuito: a) quando non risulti possibile in concreto l'esercizio della custodia sul bene (intesa come effettivo potere di controllarla, modificare tempestivamente la situazione di pericolo creatasi ed escludere qualsiasi terzo dall' ingerenza sulla cosa nel momento in cui si è prodotto il danno ) in considerazione della sua estensione, delle sue caratteristiche, della sua ubicazione e dell'uso generale e diretto da parte di terzi; b) nel caso di repentina e non prevedibile alterazione dello stato delle cose che, nonostante l'attività di controllo e la diligenza impiegata allo scopo di garantire un intervento tempestivo, non possa essere rimossa o segnalata, per difetto del tempo strettamente necessario a provvedere; c) nel caso di comportamento colposo dell'utente danneggiato, che abbia usato il bene senza la normale diligenza o con affidamento soggettivo anomalo sulle sue caratteristiche, in modo da interrompere il nesso eziologico tra la causa del danno ed il danno stesso (Cass. 9.3.2010 n. 5669; Cass. 19.11.2009 n. 24419; 3.4.2009 n. 8157; Cass. 25.7.2008 n. 20427).
In fatto, occorre rilevare che dati obiettivi quali le stesse fotografie prodotte dall'attrice e dalle parti convenute dimostrano come la pavimentazione del marciapiede fosse sostanzialmente integra e che lo scolo delle acque provenienti dai condizionatori, ove sussistente al momento del passaggio della S., fosse perfettamente visibile e quindi evitabile da parte della stessa.
Anche se in citazione non è specificato l'orario in cui è avvenuto l'incidente, si può agevolmente collocare lo stesso nelle prime ore del pomeriggio di un assolato 7 luglio 2010, tenuto conto dell'orario indicato nel referto del Pronto Soccorso e nella lettera di contestazione inviata alle convenute da parte dell'avv. Anelli.
L'attrice, che ben conosceva i luoghi in quanto abitante in via P. 87, a pochi passi quindi dal punto in cui è caduta, nell'occorso "perdeva l'equilibrio e scivolava", come si legge nella stessa citazione: dando anche per scontato che la caduta sia avvenuta in corrispondenza del rivolo di acqua proveniente dallo scarico dei condizionatori, è assolutamente evidente che l'incidente è avvenuto in condizioni di perfetta visibilità, per la data e l'ora sopra riferite, e per di più in un tratto di marciapiede perfettamente conosciuto e quotidianamente praticato dall'attrice.
La stessa S. poteva quindi agevolmente evitare di attraversare il tratto di marciapiedi bagnato o comunque, accortasi della presenza di acqua per terra, adottare le dovute cautele nel passarci sopra, proprio al fine di evitare scivolamenti e cadute accidentali.
 





Non vi è quindi alcuna necessità di escutere testimoni, tanto meno in ordine a circostanze aventi ad oggetto più valutazioni soggettive che fatti concreti, potendo anche darsi per scontato che l’attrice sia scivolata e caduta a terra, ma se ciò è avvenuto la causa efficiente on è certo stata il modesto stillicidio proveniente dai condizionatori, ma la distrazione e la mancata accortezza dimostrata dal pedone.
Tali assorbenti considerazioni rendono evidente l’assenza di responsabilità ex artt. 2043 o 2051 c.c. da parte dell’ente comunale e della società convenuta, in presenza di una così macroscopica imprudenza e/o imperizia da parte dell’attrice.
In conclusione, bisogna ritenere che un pedone sufficientemente accorto e prudente, usando la normale diligenza avrebbe potuto facilmente evitare di scivolare e cadere per terra e ciò esclude ogni responsabilità ex art. 2051 c.c. o anche art 2043 c.c. del Comune di Taranto, nonché della snc convenuta, e quindi ogni loro obbligo risarcitorio.
Le spese di lite, liquidate come da dispositivo in base ai valori medi del DM 140/2012, seguono la soccombenza, con distrazione in favore dell'avv. Soggia, dichiaratosi anticipatario per conto della sua assistita.

P.Q.M.

Tribunale in composizione monocratica, nella persona del Presidente dott. Pietro Genoviva, definitivamente pronunciando sulla domanda proposta da S.A. nei confronti del Comune di Taranto e della snc CDC con atto di citazione notificato in data 8.-11.7.2011, così provvede:
- rigetta la domanda attrice;
- condanna l'attrice al pagamento in favore degli enti convenuti delle spese di lite, che si liquidano per ciascuno di essi in E. 2.10000 per compensi professionali, oltre accessori di legge, con distrazione in favore dell’avv. Mario Soggia. Anticipatorio per conto della sua assistita.

Leggi e Sentenze

Cassazione: usucapione e il potere di fatto... non basta solo l'indicazione della ditta catastale...  0  1373

La Corte di Cassazione, nella sentenza n. 27296 del 2013, ha affermato che la sola indicazione dell'intestazione catastale non prova di fatto il potere o il possesso sulla cosa utile all'usucapione.