Articolo precedente
Prossimo articolo
Breaking News

Attivare Windows 8 con Loader

Articolo  0 commenti




Attenzione: la procedura descritta in questo articolo è esclusivamente pubblicata a scopo informativo. Il download del programma e il crack di Windows 8 sono illegali e assolutamente sconsigliati. L’autore non si assume nessuna responsabilità dall’uso proprio o improprio delle informazioni qui fornite.



Attivare Windows 8 con il Loader è uno dei tanti metodi che circolano in rete su come attivare la propria copia di Windows 8 e renderlo(genuino) senza aver acquistato un Codice Product Key e quindi illegalmente. Di seguito andremo a vedere come utilizzare questo metodo: Prima di procedere vi ricordo che “Attivare la propria copia di Windows con il seguente metodo è illegale, quindi non vi consiglio di applicarlo e non mi ritengo responsabile dell’uso che ne farete. Ripeto questo articolo è solo a scopo informativo“. Come attivare Windows 8 (32bit e 64bit) con il Loader by Paky89

 

1. Prima cosa procuriamoci il Loader da qui ed estraiamo il files “LoaderByPaky89v140_beta3.exe” sul desktop.

2. Lanciamo il files appena estratto come Amministratore, facendo clic Destro sul file e successivamente selezioniamo “Esegui come amministratore” come in fig.

 

3. A questo punto facciamo clic su “Attiva“

 

 

 





 

4. Ora verremo informati che il PC verrà riavviato, dove noi confermeremo facendo clic su “Si“

 

 

 
 

5. Ora non ci resta che aspettare che il Loader By Paky89 faccia il proprio lavoro

 

 
 

6. A questo punto se il PC si è riavviato e la schermata del Loader By Paky89 è scomparsa, dovremmo avere Windows 8 attivato come in figura:

 

 

 
 

Download | Loader By Paky89 lo scarico vine fatto via torrent , tutti gli altri siti che mostrano lo scarico diretto ,vi rimandano a servizi a pagamento.

 

Leggi e Sentenze

Hacking delle auto: minaccia ipotetica o realtà? Il parere degli esperti di ESET  0  649

Il caso dell'hacking dal vivo di una jeep avvenuto pochi mesi fa e riferito da Wired ha riaperto il dibattito sulla possibilità che i sistemi informatici di cui sono dotate le auto di nuova generazione possano essere effettivamente violati.