Articolo precedente
Prossimo articolo
Breaking News

Imprese: risultati delle indagini Echa "En-Force 2" per applicazione regolamenti Reach e Clp

Articolo  0 commenti




Nonostante l'alta percentuale di SDS non redatte correttamente gli ispettori hanno notato un miglioramento nei formati utilizzati rispetto ai controlli precedenti.



E' stata pubblicata da Echa la relazione finale della seconda edizione dell’indagine Reach En-Force 2.

L'indagine è stata condotta in 29 Stati membri e paesi del See, tra il maggio 2011 e il marzo 2012. Questa indagine è utile per verificare la corretta applicazione dei regolamenti Reach e Clp da parte degli utilizzatori e di chi tratta miscele.

In questo programma sono state coinvolte 1181 aziende e per più della metà oltre ad essere utilizzatori, anche produttori, importatori, distributori e rappresentanti esclusivi.

L’ispezione ha rilevato che il 67% delle aziende ispezionate non era conforme a una o più disposizioni del Reache Clp.

Le violazioni più frequenti hanno riguardato:

- le procedure di pre-registrazione Reach

- l’obbligo di notifica Clp

- carenze riguardo l’archiviazione delle informazioni

- misure inadeguate di gestione del rischio.

 

Nonostante l'alta percentuale di SDS non redatte correttamente gli ispettori hanno notato un miglioramento nei formati utilizzati rispetto ai controlli precedenti.

Alla luce di questa ulteriore verifica, data la complessità delle nuove legislazioni sulle sostanze chimiche, si conferma che l’industria deve ancora passare attraverso una fase di apprendimento, migliorare l’uso delle SDS e raggiungere una piena conformità rispetto a quanto previsto dalla legge.

La relazione stessa fornisce alcune indicazioni su come raggiungere questo obiettivo e risponder pienamente ai requisiti di legge.

 

 

Per ulteriori approfondimenti: Final report of the second Reach enforcement project published.





Leggi e Sentenze

Azienda agricola, obbiettivo dei giovani imprenditori  0  464

L'azienda agricola, trampolino di lancio per giovani imprenditori italiani, un settore in ripresa che impiega i nostri ragazzi favorendo l'orticoltura.