Articolo precedente
Prossimo articolo
Breaking News

Detrazione del mutuo per acquisto abitazione principale

Articolo  0 commenti




Come procedere per la detrazione del mutuo per l'acquisto di abitazione principale.



L'articolo 15 del Tuir (Dpr 917/1986) prevede la detrazione del 19% degli interessi pagati in dipendenza di mutui stipulati per l'acquisto dell'abitazione principale. La norma dispone che, per usufruire del beneficio, l'immobile sia adibito ad abitazione principale entro un anno dall'acquisto, che deve avvenire nell'anno antecedente o successivo alla stipula del contratto di mutuo. Sono previste alcune ipotesi particolari: 1. nel caso di immobile locato, è necessario notificare al locatario l'atto di intimazione di licenza o di sfratto per finita locazione. Entro un anno dal rilascio, l'immobile deve essere adibito ad abitazione principale; 2. nel caso in cui l'immobile acquistato sia oggetto di lavori di ristrutturazione edilizia, la detrazione spetta a decorrere dalla data in cui lo stesso è adibito a dimora abituale, e comunque entro due anni dall'acquisto; 3. è prevista inoltre deroga espressa al requisito della dimora abituale nell'ipotesi di acquisto dell'unica abitazione di proprietà da parte del personale delle Forze armate o di Polizia. Il termine di diciotto mesi entro i quali occorre stabilire la residenza nel comune dove è ubicato l'immobile rientra, invece, tra i requisiti per avvalersi della tassazione agevolata per l'acquisto della prima casa.





Leggi e Sentenze

Cassazione: viene realizzata una costruzione su un fondo di proprietà esclusiva di uno dei coniugi in comunione legale dei beni... all'altro coniuge spetta comunque un credito di valore...  0  968

La Corte di Cassazione, nella sentenza n. 13603 del 2013, ha affermato che, nel caso di regime di comunione legale dei beni, la realizzazione (durante il matrimonio), da uno dei coniugi, di una costruzione sul fondo ad uso personale di uno solo di essi appartiene solo ed esclusivamente a quest'ultimo e quindi oggetto della comunione legale ai sensi dell'art. 177, comma 1, lett. a del c.c. e quindi al coniuge spetta non un diritto reale ma obbligatorio e per il quale si avrà un diritto di credito ai sensi dell'art. 936, comma 2 del c.c..