Articolo precedente
Prossimo articolo
Breaking News

Il condominio deve aprire le porte ai ciclisti

Articolo  0 commenti




...i ciclisti possono conquistare pacificamente anche i condominii...



I palazzi di Milano devono aprire alle biciclette. A chiederlo è il Comune, con una lettera agli amministratori in cui si sollecita a far rispettare il diritto dei ciclisti a parcheggiare i mezzi nella corte condominiale dove vivono o lavorano.
Palazzo Marino ha scritto agli amministratori in seguito alle numerose denunce dei ciclisti, cui spesso viene negata l’opportunità di parcheggio, prevista invece dal regolamento edilizio.

L’intervento dell’amministrazione comunale vorrebbe favorire lo sviluppo della mobilità ciclistica, parte integrante della politica green promossa dalla giunta guidata da Giuliano Pisapia. “L’amministrazione riceve sovente lamentele di cittadini che si sono visti negare o limitare fortemente il diritto a depositare le biciclette nei cortili”, si legge nella missiva, scritta dall’assessore alla Mobilità, Pierfrancesco Maran.

La norma però prevede che “in tutti i cortili esistenti o di nuova costruzione debba essere consentito il deposito delle bici di chi abita o lavora ai numeri civici collegati al cortile”. A meno che si dimostri l’assenza di un cortile o di altro spazio utile, per rifiutare l’ingresso ai velocipedi non basta “la presenza di fiori, posti auto, o il fastidio di avere le biciclette sotto la finestra".

Insomma, secondo regolamento, i ciclisti possono conquistare pacificamente anche i condominii.

(Fonte: Abitantionline.it)





Leggi e Sentenze

Il problema della prenotazione di visite ed esami risolto on line: prenotare diventa su misura  0  655

Prenotare una visita specialistica od un esame diagnostico è sempre complicato: lunghe telefonate e noiose melodie da segreteria telefonica, con le conseguenti perdite di tempo, caratterizzano la difficoltà di trovare disponibilità da parte dei professionisti.