Articolo precedente
Prossimo articolo
Breaking News

Corte d'Appello di Bologna: detenzione di cannabis fino a 1 Kg è un fatto di lieve entità se non c'è una perizia tossicologica

Articolo  0 commenti




"in assenza di perizia tossicologica che attesti il livello di thc contenuto nella sostanza lorda, si deve ravvisare l'operatività ed applicabilità dell'ipotesi di lieve entità (l'attenuante di cui all'art. 73, comma 5) nel caso in cui l'imputato non possa affermare che lo stupefacente detenuto era destinato ad un uso esclusivamente personale"



La Corte d’Appello di Bologna ha determinato una distinzione tra droghe leggere e droghe pesanti, così barbaramente negata dalla legge Fini-Giovanardi e dal sistema tabellare.

La Terza Sezione Penale ha infatti dichiarato il principio per cui "in assenza di perizia tossicologica che attesti il livello di thc contenuto nella sostanza lorda, si deve ravvisare l'operatività ed applicabilità dell'ipotesi di lieve entità (l'attenuante di cui all'art. 73, comma 5) nel caso in cui l'imputato non possa affermare che lo stupefacente detenuto era destinato ad un uso esclusivamente personale".

Nel caso specifico la contestuale detenzione di 900 grammi di marijuana e di 100 grammi di hashish ha comportato, per due giovani, la condanna alla pena di 2 anni e 4 mesi per uno (che era imputato anche di resistenza e minacce) e di 2 anni con sospensione condizionale per l'altro che non aveva altre accuse al di fuori di quella di detenzione illecita in concorso.

L'impossibilità di stabilire il grado di purezza dell'hashish o della marijuana ed il numero di dosi o di quantità massime detenibili e derivabili, diviene quindi ostacolo insormontabile per il giudice e legittima un trattamento pro reo di maggiore favore anche in presenza di quantitativi lordi importanti come quello in oggetto.

Il narcotest diviene un mero indicatore della presenza di principi attivi e null'altro.

La Corte ha tenuto in conto anche il fatto che certamente una parte importante e preponderante dello stupefacente era destinata al fabbisogno personale dei detentori e non vi era alcuna prova di spaccio, in quanto i due giovani erano stati colti all'atto di detenere.





Leggi e Sentenze

Cassazione: uomo scappa di casa abbandonando la moglie... addebito di separazione in capo all'uomo...  0  974

La Corte di Cassazione, nella sentenza n. 27923 del 2013, ha affrontato il caso di un uomo che scappa dalla casa abbandonando casa e moglie senza alcuna spiegazione. E' abbandono del tetto coniugale e va addebitata all'uomo la separazione.