Articolo precedente
Prossimo articolo
Breaking News

Suggerimenti per Coltivare i Bulbi di Gladioli in Giardino

Articolo  0 commenti




I gladioli sono piante con fiori belli e a fantasia. Questa pianta perenne ha fiori che crescono sugli alti steli e appaiono come spade vistosi e colorati.



I gladioli sono piante con fiori belli e a fantasia. Questa pianta perenne ha fiori che crescono sugli alti steli e appaiono come spade vistosi e colorati. Questo è il motivo per il quale la maggior parte dei giardinieri preferisce coltivare dei gladioli nei loro giardini di primavera. I gladioli sono piante alte che sono usate solitamente lungo i confini e anche sono perfetti fiori da recidere recisi. Ecco alcuni consigli per coltivare dei gladioli nel tuo giardino di primavera.

Consigli di Piantagione:

  • I bulbi di gladiolo sono più facili da coltivare rispetto altri fiori che sbocciano a primavera. Questo è perché non richiedono una procedura di refrigeramento per interrompere la loro dormienza. I bulbi di Gladiolo sono piantati nel caldo clima quando non c'è nessun pericolo di gelo. Hanno bisogno di un terreno caldo.
  • I bulbi di gladiolo richiedono un terreno allentato. Per rendere il tuo giardino pronto per gladiolo, occorre allentare il terreno con una forcella da giardino per circa 13 a 16 pollici di profondità.
  • Una volta che il terreno acquista una consistenza allentata, uno strato di 2-3 pollici di compost deve essere miscelato con il terreno.
  • Ora fare una buca profonda 4 pollici per riporvi i bulbi. I bulbi dovrebbero essere posizionati correttamente all'interno di queste buche. Assicurarsi di mantenere la parte appuntita rivolta verso l'alto mentre si piantano i bulbi. Una volta che i bulbi vengono inseriti nelle buche, ricoprire con il terriccio e premerlo saldamente. Innaffiare i bulbi con la giusta quantità di acqua.
  • I bulbi di gladiolo, proprio come altri fiori che sbocciano a primavera, necessitano di un terreno ben drenato e di luce. È necessario evitare sopra l'innaffiatura dei gladioli. Si devono piantare i bulbi di gladioli nella parte soleggiata del giardino dove possono ottenere il pieno sole.

Devi ricordarti di lasciare uno spazio tra i 3 e i 6 pollici tra ogni bulbo di gladiolo. I bulbi di gladiolo richiedono 90 giorni per crescere e fiorire se sono piantati correttamente.

Suggerimenti per la Cura:

I gladioli sono piante resistenti e non richiedono troppa cura. Di seguito ci sono alcuni suggerimenti per la cura grazie ai quali ottenere magnifiche fioriture.

  • Le erbacce sono nemici mortali dei gladioli. È necessario aggiungere strati di pacciame intorno ai tuoi gladioli. Questo aiuta a prevenire le erbacce e inoltre mantiene il terreno umido.
  • Se il terreno si asciuga o non c'è pioggia nella tua zona, devi annaffiare le piante regolarmente. Condizioni di terreno asciutto ostacolano la crescita di gladioli.
  • I fiori dei gladioli, come qualsiasi altro che fiorisce a primavera, richiedono cure durante il periodo di fioritura. È necessario rimuovere i fiori morti per garantire una crescita e una fioritura continua. Una volta che la punta diventa secca dopo che tutti i fiori sono scomparsi, è necessario rimuoverli.
  • Nel caso nella tua zona faccia ancora freddo, allora è necessario aggiungere uno strato di fieno sopra i gladioli per fornire una protezione dal freddo.

I gladioli, come qualsiasi altra pianta, hanno bisogno di protezione dai parassiti e dalle malattie. È necessario controllare regolarmente le tue piante. Putrefazione del gladiolo, virus, acari, afidi, tripidi, muffa grigia e aster gialli sono alcune delle condizioni comuni che distruggono il giardino di gladioli. Se non hai intenzione di piantare i tuoi bulbi o hai qualche fresco raccolto di bulbi è possibile stoccarli facilmente tenendoli in un luogo ben ventilato, fresco e buio. Spolvera i bulbi con qualche insetticida e non congelarli.





Leggi e Sentenze

Edilizia in Emilia-Romagna, stime negative anche per il 2013  0  1196

Il Rapporto Ance fotografa l'ulteriore contrazione degli investimenti, in calo del 3,6% per il 2013, con gravissime ricadute occupazionali.