Articolo precedente
Prossimo articolo
Breaking News

Scopriamo i depuratori d'acqua a osmosi inversa

Articolo  0 commenti




Quello ad Osmosi Inversa è uno dei sistemi di depurazione dell'acqua con la maggiore diffusione nelle aziende come nelle nostre case, scopriamo il suo funzionamento



Quando si parla della qualità e della salute di ciò che introduciamo nel nostro corpo è importante per fare una valutazione con la propria testa senza farsi fuorviare da messaggi commerciali secondo i quali la salute si misura a colpi di spot, prendere completamente coscienza dell'argomento che si sta trattando.

Ogni giorno il nostro corpo necessita di liquidi in forma d’acqua e sostanze varie per la propria sopravivenza, a cosa servono quindi gli impianti ad osmosi inversa, in quali casi sono utili?

Partiamo dalle basi: il termine osmosi indica un processo chimico e fisico in cui tramite il movimento di diffusione di due liquidi mescolabili di diversa concentrazione attraverso una superficie parzialmente impermeabile.

Dopo aver compreso cos'è l'osmosi, possiamo capire il significato di osmosi inversa, il processo che sta alla base della nostra salute; l'osmosi inversa è invece il fenomeno per cui, quando si applica alla superficie di una membrana semipermeabile separante due soluzioni di concentrazione diversa una differenza di pressione contraria alla pressione osmotica e ad essa superiore, il flusso della soluzione più concentrata va verso quella più diluita, questo processo è esattamente quello utilizzato per rendere potabile l'acqua marina.

Si dice invece osmosi elettrica l'osmosi ottenuta tramite l'uso di corrente elettrica per aumentare il flusso di ioni e quindi simulare la pressione osmotica.

Dunque l'osmosi inversa è il processo che forza il passaggio di una soluzione più concentrata in una meno concentrata ottenuto applicando alla soluzione più concentrata una pressione osmotica maggiore, l'osmosi è realizzata come un filtro che cattura il soluto da una parte e rilascia il solvente puro dall'altra, questo processo è usato come anticipato prima nella desanilizzazione dell'acqua marina, ma anche per la rimozione di tracce di fosfato, calcio metalli pesanti ed è in costante aumento nelle città a causa dell'inquinamento il trattamento dell'acqua che arriva ai rubinetti domestici tramite filtri basati su questo principio.

In ogni modo l'acqua che passa attraverso il processo di osmosi può essere utilizzata nelle nostre case per essere bevuta oppure per usi alimentari, naturalmente per effettuare bagni e docce, nella gastronomia e nei ristoranti sia ad uso alimentare sia per la preparazione dei cibi.

I depuratori d'acqua che utilizzano questo processo sono in sempre maggiore crescita in particolare in ambito domestico ma anche industriale.

Il punto di forza di questa tecnologia è che non richiede l'uso di sostanze chimiche e questo insieme al fatto che è in grado di eliminare la quasi totalità delle sostanze organiche ma anche buona parte delle sostanze minerali la ha resa il sistema di purificazione dell'acqua più diffuso in assoluto, questo, di fatto, rende l'acqua in uscita dai depuratori di osmosi inversa parificabile all'acqua oligominerale, in pratica con un basso residuo fisso (povera di sali). I detrattori di questo metodo puntano il dito proprio contro questa caratteristica che a loro dire impoverirebbe l'acqua e la renderebbe come acqua distillata quindi senza valori nutritivi.

In realtà, molto spesso, dietro a queste critiche si nasconde più un'esigenza commerciale di vendere depuratori che utilizzano tecniche di filtrazione differenti.

Non dimentichiamo che l'assimilazione quotidiana di minerali tramite l'acqua è particolarmente modesta, specie per le acque oligominerali. Per gli stessi motivi è comunque sbagliato far leva su una presenza elevata di minerali per vendere depuratori ad osmosi inversa.

I minerali più comunemente "sfruttati" in questa "battaglia commerciale" sono il sodio e il calcio.

Va prima di tutto sottolineato che tutte le acque potabili potenzialmente rappresentano una fonte di calco importantissima anche se non è stimabile il loro contributo essendone il loro contenuto estremamente variabile.

Riguardo al sodio e alla sua relazione con alcuni malesseri come pesantezza, gonfiori e cellulite, ci sono articoli specifici che approfondiscono la questione tuttavia sappiate che questo tipo di problematiche non sono certamente risolvibili con depuratori ad osmosi inversa.





Leggi e Sentenze

Per la massima professionalità nella lavorazione di materie plastiche scegli Officine Padrin  0  275

Officine Padrin grazie alla sua esperienza e professionalità si è affermata nel settore della produzione e lavorazione di materie plastiche, realizzando una moltitudine di prodotti impiegabili in diversi settori.