Articolo precedente
Prossimo articolo
Breaking News

Chi può partecipare alle associazioni tra avvocati?

Articolo  0 commenti




Nel D.M. Giustizia del 4 febbraio 2016 n. 23 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 1° marzo 2016 sono state individuate le categorie di liberi professionisti che possono partecipare alle associazioni tra avvocati.



MINISTERO DELLA GIUSTIZIA,  DECRETO 4 febbraio 2016, n. 23

Regolamento recante norme di attuazione dell'articolo 4, comma 2, della legge 31 dicembre 2012, n. 247, per l'individuazione delle categorie di liberi professionisti che possono partecipare alle associazioni tra avvocati. (16G00031)

(GU n. 50 del 1-3-2016)

Vigente al: 16-3-2016

IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400;

Visto l'articolo 4, comma 2, della legge 31 dicembre 2012, n. 247;

Visto l'articolo 1, comma 3, della legge 31 dicembre 2012, n. 247; 

Sentito il Consiglio nazionale forense che si e' espresso con parere in data 30 luglio 2015; 

Udito il parere del Consiglio di Stato, espresso dalla Sezione consultiva per gli atti normativi nell'adunanza del 10 settembre 2015; 

Acquisiti i pareri della competenti Commissioni della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica; 

Vista la comunicazione al Presidente del Consiglio dei ministri, a norma del citato articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, effettuata con nota del 21 dicembre 2015; 

Adotta

il seguente regolamento: 

Art. 1 

Oggetto e definizioni 

1. Il presente regolamento individua, ai sensi dell'articolo 4, comma 2, legge 31 dicembre 2012, n. 247, le categorie di liberi professionisti che possono partecipare alle associazioni tra avvocati.

2. Ai fini del presente regolamento:

a) per «legge professionale» si intende la legge 31 dicembre 2012, n. 247, recante «Nuova disciplina dell'ordinamento della professione forense»;

b) per «associazioni» si intendono le associazioni costituite o partecipate da avvocati con altri liberi professionisti, individuati ai sensi del presente regolamento.

 

 

Art. 2 

 

 

 

Individuazione delle categorie professionali 

 

1. I liberi professionisti non iscritti nell'albo forense che partecipano ad una associazione multidisciplinare devono appartenere alle seguenti categorie organizzate in ordini e collegi professionali:

ordine dei dottori agronomi e dottori forestali;

ordine degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori;

ordine degli assistenti sociali;

ordine degli attuari;

ordine nazionale dei biologi;

ordine dei chimici;

ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili;

ordine dei geologi;

ordine degli ingegneri;

ordine dei tecnologi alimentari;

ordine dei consulenti del lavoro;

ordine dei medici chirurghi e odontoiatri;

ordine dei medici veterinari;

ordine degli psicologi;

ordine degli spedizionieri doganali;

collegio dei periti agrari e dei periti agrari laureati;

collegio degli agrotecnici e agrotecnici laureati;

collegio dei periti industriali e dei periti industriali laureati;

collegio dei geometri e geometri laureati.
 

Art. 3 

 

 

 

Rinvio 

 

1. Per la regolamentazione delle associazioni di cui al presente decreto si ha riguardo a quanto disposto dall'articolo 4, commi 3 e seguenti, della legge professionale, nonche', in quanto compatibili, alle disposizioni del codice civile.

Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara' inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

Roma, 4 febbraio 2016

Il Ministro: Orlando

Visto, il Guardasigilli: Orlando

Registrato alla Corte dei conti il 24 febbraio 2016.

Ufficio controllo atti P.C.M. Ministeri giustizia e affari esteri, reg.ne prev. n. 517.





Leggi e Sentenze

Cassazione: folgorato per una palma... di chi è la responsabilità?  0  1029

La Corte di Cassazione, nella sentenza n. 27591 del 2013, ha affermato che il proprietario di un'azienda deve dare precise direttive ai dipendenti e a tutti coloro che si recano all'interno dell'azienda stessa sopratutto se vi è l'esistenza di situazioni di pericolo e per evitare rischi.