Articolo precedente
Prossimo articolo
Breaking News

Premio Letteratura Italiana Contemporanea, Presentazione del romanzo Villa Speranza di Katia Di Martino - 21 febbraio ore 17:00 Ari (CH)

Articolo  0 commenti




Il romanzo vincitore del Premio Letteratura Italiana Contemporanea ed. 2014 sarà presentato il 21 febbraio alle ore 17:00, con il Patrocinio del Comune di Ari (CH). Interverranno: dott. Marcello Salerno, Sindaco di Ari; dott. Dante Marianacci, Presidente del Centro Nazionale di Studi Dannunziani; dott.ssa Liana Recchione, Illustratrice. Sarà presente l'autrice Katia Di Martino.



 Sabato 21 febbraio 2014 alle ore 17:00 presso il Palazzo Municipale di Ari (CH), sito in Via Papa Giovanni XXIII, 5, con il Patrocinio del Comune di Ari sarà presentato il libro Villa Speranza di Katia Di Martino, opera vincitrice per la sezione romanzo inedito del Premio Letteratura Italiana Contemporanea 2014, importante riconoscimento letterario nazionale indetto da Laura Capone Editore per la valorizzazione dei talenti letterari emergenti, a sostegno delle attività socialmente utili.

Saluti istituzionali: Dott. Marcello Salerno, Sindaco di Ari.

Interverranno:
• Dott. Dante Marianacci, Presidente del Centro Nazionale di Studi Dannunziani.
• Dott.ssa Liana Recchione, Illustratrice.

Sarà presente l’autrice Katia Di Martino.





Seguirà saluto con brindisi.

Villa Speranza racconta le vicende di un gruppo di anziani ? i cosiddetti "Senior" ? che vivono in uno dei tanti ospizi rivisitati secondo una logica che li fa assomigliare a cooperative di lavoro. Quegli anziani altri non sono che i precari di oggi proiettati nell’anno 2037, in un futuro non fantascientifico ma fortemente depauperato.
L’opera affronta temi drammatici, riuscendo a mantenere un tono leggero e venato di ironia grazie all’abilita dell’autrice Katia Di Martino che, pur essendo esordiente, rivela una penna matura e originale, capace di conquistare il lettore, di stupirlo e di regalargli, al termine della lettura, una visione prospettica e problematizzata della nostra società.

Leggi e Sentenze

Le scuole paritarie non offrono meno qualità di quelle statali  0  723

La cultura post-comunista ma ancora fortemente statalista, fortunatamente una piccola anche se potente minoranza, usa sostanzialmente due argomenti principali per opporsi alla libertà di educazione e alla sussidiarietà verso le scuole nate dalla società: il “diplomificio” e la scarsa qualità formativa offerta. Ovviamente sono accuse infondate, come mostreremo in questo articolo.